Lettera alla Sottosegretaria On.le Biondelli Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Martedì 21 Ottobre 2014 01:10
 
Gentile Sottosegretaria on.le Biondelli,    
Nell'incontro che lo scrivente movimento ha avuto con lei il 16 giugno 2014,  le è stato consegnato un documento contenente precise richieste.  
In primo luogo le è stato chiesto di consentire la partecipazione al tavolo ministeriale in corso anche alla libera rete dei disabili che composta da alcune sigle di associazioni e raggruppamenti di persone con disabilità.    
Purtroppo si è dovuto registrare il rifiuto da parte sua ad una richiesta che avrebbe significato una più ampia applicazione del principio di democrazia partecipativa e il riconoscimento di fatto del pluralismo della rappresentanza dei diritti e degli interessi delle persone con disabilità grave ora monopolio inammissibile di alcune associazioni, in base a un superato e vetusto  concetto di rappresentanza.    
 
Pertanto non essendo stata consentita la nostra partecipazione alle riunioni del tavolo ministeriale chiediamo che:  
1. Non si proceda di fatto alla divisione dei disabili gravi con l'aggiunta dei disabili gravissimi che è una pura invenzione frutto di una inaccettabile astuzia.  Disabili gravi sono tutte quelle persone con disabilità riconosciuta al 100% dalla legislazione in vigore.    
2. Il fondo per la non autosufficienza sia destinato a tutti i disabili gravi senza riserve di quote per patologia e confusione fra soggetti che devono essere a carico del servizio sanitario nazionale e soggetti con bisogni la cui risposta è di preminente pertinenza delle politiche sociali.  
 
Per quanto attiene le linee guida sulla disabilità chiediamo:
  1. ESIGIBILITA' DEI DIRITTI DEI DISABILI E DELLE LORO FAMIGLIE;
2. Risposte ai bisogni delle persone disabili non collegate all'ISEE (INDENNITA' DI ACCOMPAGNAMENTO, PROVVIDENZE, PRESTAZIONI E SERVIZI);
3. LIBERTA' DA PARTE DI TUTTI IDISABILI E DELLE LORO FAMIGLIE NELLA SCELTA DELLA FORMA DI ASSISTENZA INDIRETTA DOMICILIARE;
4. DESTINAZIONE DELLE RISORSE PER LE POLITICHE SOCIALI FISSATE IN BILANCIO NON TRASFERIBILI O IMPIEGATE PER ALTRE VOCI DI SPESA.
5. RICONOSCIMENTO DEL CAREGIVER FAMILIARE;
6. PARTECIPAZIONE ALLE CONSULTAZIONI ISTITUZIONALI NAZIONALI (GOVERNO, PARLAMENTO, MINISTERI).
7. RISORSE FINANZIARIE PER LA DISABILITA' PARI A UN MILIARDO DI EURO.  
 
Coordinatore Movimento Disabili Rinnovamento Democratico Prof. Michele Lastilla
Libera rete dei disabili  
MOVIMENTO DISABILI RINNOVAMENTO DEMOCRATICO
CF 93363130720
CELL. 3343819705