Home

Risorse

Chi è online

 1 visitatore online
Amnesty International 
IO PRETENDO DIGNITÀ
Benvenuto nel sito Movimento Rinnovamento Democratico
Istruzioni mobilitazione nazionale Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Martedì 31 Gennaio 2012 11:40
Salve,
avete appreso che la mobilitazione nazionale con la manifestazione dei disabili contro lo sterminio dei diritti promossa dal movimento disabili rinnovamento democratico e dal gruppo facebook disabili in lotta dalla delega all'azione, ha preso finalmente forma con l'autorizzazione che ho ottenuto stamane dalla questura di Roma.

DESCRIZIONE:
Teatro principale della protesta sarà piazza Montecitorio a partire dalle ore 14 del giorno 8 febbraio, dove avverrà la concentrazione di tutti coloro che sono in grado di deambulare autonomamente, con accompagnatore e in carrozzina insieme alle loro famiglie.
Sono chiamati ad unirsi alla protesta, i lavoratori del comparto dell'area della disabilità e i cittadini che vogliono dimostrare solidarietà e sostegno alla lotta estrema che persone già con gravi difficoltà devono sostenere per le scelte del governo.
La manifestazione nazionale interessa tutti i disabili e non una parte di essi.
Noi abbiamo voluto che tutti fossero messi in grado di far sentire la loro vibrante protesta nei modi più diversi.
Per questo sono state previste forme di partecipazione diversificate, ma tutte facenti capo ad un'unica manifestazione.

FORME DI PARTECIPAZIONE:
1. I disabili impossibilitati a partecipare fisicamente in piazza Montecitorio, dovranno inviare una lettera con un testo a loro scelta o con quello da noi preparato, al ministro Fornero.
Attenzione:
la lettera dovrà essere inoltrata al ministro alle ore 14 del giorno 8 febbraio, ora di inizio della manifestazione che sta a indicare che chi non ha potuto partecipare fisicamente, fa comunque parte integrante della protesta che si svolgerà in quelle ore in piazza del Parlamento dai compagni disabili che li rappresentano.
Si raccomanda di non inviare la lettera alla Fornero prima di quel giorno, perchè la protesta perderebbe di significato, in quanto questa forma di lotta deve essere parte integrante di quella che si svolge a Roma.

Inviare la lettera ai seguenti indirizzi:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

2. In tutte le città italiane già da ora, le persone disabili dovranno, attraverso mail, telefono, giornali, le radio e le tv locali e passa parola porta a porta e in ogni modo, invitare i cittadini allo sciopero della spesa l'8 febbraio, giorno della mobilitazione nazionale.
3. Sono previste altre forme di lotta che saranno tempestivamente comunicate.

Il Movimento Disabili Rinnovamento Democratico e il gruppo facebook Disabili in Lotta dalla delega all'azione, promotori e organizzatori dell'evento, invitano le persone con disabilità, le loro famiglie, i loro amici, i cittadini con essi solidali, a partecipare numerosi alla manifestazione, ciascuno nelle forme che gli sono possibili.

Le lettere di protesta che sono parte integrante della manifestazione, devono essere inviate nelle modalità sopra indicate esclusivamente da chi è impedito per disabilità grave e devono essere firmate con nome e cognome e indicare il tipo di disabilità che gli impedisce di partecipare fisicamente alla protesta in Piazza Montecitorio.
Pertanto, ad esempio, è assolutamente inutile che una persona non vedente si limiti a inviare la lettera non partecipando alla protesta che si svolge davanti al Parlamento.

Si invitano tutti a inviare le adesioni a:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
indicando nome, cognome, città di provenienza, numero di cellulare per contatti durante le ore della manifestazione e indicare se si viene in gruppo.

Il punto d'incontro per tutti i partecipanti, è Piazza di Spagna, uscita metro, ore 13.30, per poi tutti insieme, raggiungere Piazza Montecitorio.
Per qualsiasi chiarimento si prega di scrivere all'indirizzo e-mail sopra riportato.

Durante la manifestazione si dovrà far riferimento a Michele Lastilla e Maria Pia di cui sarà fornito ilnumero di cellulare nei prossimi giorni.
Tutti coloro che daranno sicura adesione riceveranno da Michele Lastilla o Nadia Darco istruzioni per gli eventuali simboli e cartelli da indossare.

Sono vietati cartelli sostenuti da aste di qualsiasi tipo. 
È vietato portare catene, bastoni (eccetto quelli bianchi o da sostegno per deambulare).
Si consiglia di portare, invece, fischietti, tamburi, sonagli.
Si prega di attenersi alle indicate modalità di partecipazione anche perchè imposte dalla questura a noi organizzatori.

Ora tocca a voi diffondere quanto più possibile la notizia e convincere disabili, amici, parenti a partecipare.
Siamo stati costretti a compiere un sacrificio e una fatica immani perchè la posta in gioco per noi disabili è senza precedenti nella storia dell'Italia dal dopoguerra ad oggi.
Il rischio di perdere conquiste e diritti è reale.
Il governo deve eliminare la parte che tocca i disabili dall'articolo 5.
Il governo non può far pagare ai disabili due volte come cittadini e come persone con gravi difficoltà.

Gli organizzatori.

 
Contro lo sterminio dei diritti dei disabili Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Martedì 31 Gennaio 2012 10:28
Dice il presidente della UICI nella circolare n.19:
Sono consapevole dell'impazienza della base associativa, che vorrebbe manifestare ad ogni costo la propria rabbia e la propria indignazione, ma opportunamente le due Federazioni hanno deciso di attendere, per conoscere la reale volontà del Governo.

Assurdo cari soci che ancora siete tiepidi, anzi, freddi.
Non è bastato a Daniele stare fermo sulla riforma delle pensioni, ora sta fermo per vedere come va a finire?
Vuol vedere cosa fa il governo?
Si ribellerà dopo?
Quando ha bruciato la minestra?
E voi gli date ancora credito?
Siete votati al suicidio?
Noi, invece, ci muoviamo prima.
Il governo si condiziona prima, non a cose fatte.

Ecco cosa stiamo per fare:
Unitevi a noi.

CONTRO LO STERMINIO DEI DIRITTI DEI DISABILI IL MOVIMENTO DISABILI RINNOVAMENTO DEMOCRATICO E IL GRUPPO FACEBOOK DISABILI IN LOTTA: DALLA DELEGA ALL'AZIONE, INDICONO:
LA MOBILITAZIONE NAZIONALE PERMANENTE DI TUTTI I DISABILI E DELLE LORO FAMIGLIE.
I DISABILI NON CONSENTIRANNO CHE LE LORO CONDIZIONI DI VITA SIANO RIPORTATE DALLO STATO IMPROVVISAMENTE INDIETRO, AGLI ANNI CINQUANTA, PER RAGIONI DI CASSA.

Non erano finalmente ormai tutti convinti che l'unica politica possibile per i disabili fosse quella della loro inclusione sociale?
Ora improvvisamente, per ragioni di cassa, l'obbiettivo diventa la loro discriminazione ed emarginazione sociale da attuare di botto.
Noi chiamiamo tutte le persone disabili ad una lotta determinata e continua che consenta anche a quelli di noi che non possono partecipare fisicamente di farlo ugualmente con efficacia attraverso una lotta multiforme che indicheremo e che per la prima volta consentirà a ciascuno di noi di essere protagonista attivo.

IL RISCHIO CHE CORRIAMO È GRAVISSIMO. 
È LO STERMINIO DEI DIRITTI, DELLE CONQUISTE DI CIVILTÀ, DELLE LEGGI CHE HANNO MIGLIORATO LA QUALITÀ DELLA NOSTRA VITA.

Se passa il disegno del governo, saranno colpiti, oltre la indennità di accompagnamento, i servizi come: l'assistenza domiciliare, la riabilitazione, la permanenza nei centri diurni, i trasporti agevolati o in convenzione, la fornitura di pasti e altre prestazioni a disabili che vivono soli, il badantato, l'assistenza infermieristica, il sostegno scolastico ed extrascolastico e molto altro ancora.

Articolo 5.
Il nuovo ISEE del governo.
Collegare l'ISEE al reddito familiare e non a quello della persona disabile.

FARANNO PERCIÒ REDDITO:
1) La indennità di accompagnamento;
2) Le pensioni di invalidità e quelle dei ciechi civili e sordomuti;
3) L'assegno sociale, l'assegno di cura, tutte le altre provvidenze legate alla disabilità.

CHIEDIAMO che:
A) Dall'articolo 5 della legge 23/12/2011 n.214 venga stralciata la parte relativa ai disabili.
B) La indennità di accompagnamento venga concessa al solo titolo della minorazione e sia considerata diritto inviolabile;
C) Tutte le provvidenze relative alla disabilità siano tenute fuori dall'ISEE;
D) Tutte le spese dei servizi forniti alle persone con disabilità dal sistema sanitario nazionale siano gratuite;
E) Gli ausili per la mobilità, la comunicazione, l'autonomia, per la vita indipendente devono essere forniti dallo Stato con la compartecipazione agevolata da parte dell'interessato in base al reddito personale;
F) Garantito il sostegno scolastico ed extrascolastico e il diritto al lavoro.

Questo è ciò che chiederemo nella multiforme manifestazione nazionale che si terrà a Roma di tutti i disabili di cui comunicheremo la data e l'ora in tempo utile.

Mentre i non disabili che condividono la nostra lotta manifesteranno in tutta Italia, VOGLIAMO ALTRESÌ AL NOSTRO FIANCO COLORO CHE RISCHIANO COME NOI: I LAVORATORI DELL'AREA DELLA DISABILITÀ.

È urgente comunicare la adesione ENTRO IL 2 FEBBRAIO della persona singola, di familiari, dei lavoratori nel comparto della disabilità, di amici e di cittadini solidali con una mail al seguente indirizzo:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 
Inviolabilità indennità d'accompagnamento Stampa l'articolo
Scritto da Tiziana   
Giovedì 05 Gennaio 2012 21:43
Gentilissimi,
abbiamo letto il vostro documento e condividiamo le preoccupazione sull'indennità di accompagnamento. La CGIL si è già mossa a tal proposito, sostenendo che le indennità di accompagnamento non vanno toccate, tanto meno vanno subordinate al reddito, trovando sostegno anche nella giurisprudenza..
Sono anni che il nostro Sindacato sostiene questa tesi, ed oggi ci stiamo muovendo per difendere con ancora più forza tale diritto. L'indennità di accompagnamento è un sostegno per le necessità quotidiane delle persone con disabilità.
In attesa di ulteriori sviluppi sulla questione vi invio cordiali saluti.

Nina Daita
Responsabile Nazionale Ufficio Politiche per le Disabilità CGIL


*****************************************


Il 02/01/2012 09:29, tiziana ha scritto:
All'attenzione di Susanna Camusso.
Si richiede interessamento  e  intervento per i disabili da parte del sindacato.


-- 
Ufficio Politiche per le Disabilità CGIL

Telefono: 06.8476514/238

Email: 
  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 

Sito: 

www.cgil.it
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 37